donne chiuse in casa

DONNE CHIUSE IN CASA

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

MOGLIE CHIUSA IN CASA E’ UN REATO

Costringere la moglie a vivere chiusa in casa controllata da una telecamera è violenza privata.

Lo ha stabilito la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione confermando l’ordinanza del Tribunale del Riesame che aveva disposto la misura cautelare del divieto di dimora dello stesso comune di residenza della moglie nei confronti di uomo accusato del reato di violenza privata.

L’indagato aveva infatti obbligato la moglie a modificare le proprie abitudini di vita, rinunciando ad uscire a piedi e, comunque, a limitare le proprie uscite, a vivere chiusa in casa, controllandola continuamente attraverso una telecamera esterna appositamente installata, e pretendendo la compagnia della madre nelle notti in cui era impegnato in turni di lavoro notturni.

Il Giudice per le indagini preliminari aveva respinto la richiesta di applicazione della misura
degli arresti domiciliari avanzata dal Pubblico Ministero, non ritenendo ravvisabili
nella fattispecie gli estremi del reato di violenza privata, la richiesta di misura cautelare,
anche se limitata al divieto di dimora, era invece stata accolta dal Tribunale del Riesame.

La Suprema Corte, respingendo il ricorso dell’indagato che sosteneva che le limitazioni imposte alla moglie erano frutto di attenzioni amorose ha ravvisato gli elementi del reato di violenza privata, in quanto il comportamento del marito non aveva nulla a che fare con le “attenzioni amorose”, ma era diventato un sistema di reiterare molestie e minacce tali non solo da costringere la persona offesa ad un radicale cambiamento del suo regime di vita, ma a tollerare anche pesanti intrusioni nella sua vita privata e nella sfera della sua riservatezza.

VIETATO SPOSTARE LE FIORIERE

E’ REATO SPOSTARE LE FIORIERE DEL VICINO Integra il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose, la condotta

REATO FARE FOTO AI VICINI

E’ REATO DI MOLESTIE SCATTARE FOTOGRAFIE AI CONDOMINI NELLE PARTI COMUNI Il reato di molestia (art.660 codice penale), viene a configurarsi anche

Cerchi un amministratore condominiale a Vicenza e provincia?

Apolloni & Partners gestisce il tuo immobile garantendo la massima professionalità e trasparenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LOGO APOLLONI white

Contatti

VICENZA: Via Zamenhof, 28- 36100 Vicenza (VI) | P.I. 10559540587 | 
Tel. 0444 1833202 | Fax. 0444 1824203
 

THIENE: Via Colleoni 22 – 36016 Thiene (VI); 
Tel: 0445 381030 | Fax: 0444 1824203

E-mail: danieleapolloni@hotmail.com
Whatsapp: 392.0173754

 

Rimani sempre aggiornato!

APOLLONI & PARTNERS, Copyright 2019 © All rights Reserved. Design by ICOM SRL